fbpx

Il risultato straordinario di Buttigieg, candidato gay alle primarie democratiche USA

Pete Buttigieg era dato per terzo o quarto alle primarie democratiche nello stato dello IOWA, ma ha sorpreso tutti arrivando primo, superando Sanders di pochi voti. Buttigieg è in crescita anche nel New Hampshire dove si voterà lunedì 10 febbraio. Mike Pence, vice di Trump, ha espresso commenti negativi su Buttigieg, definendolo “peccatore” per essersi sposato con un uomo. Buttigieg è invece un esempio positivo, ed già dichiarato che se diventerà Presidente degli Stati Uniti d’America andrà agli incontri con i Capi di Stato dei paesi omofobi con suo marito. Buttigieg ha appena 38 anni ed è sposato con un professore di Liceo, Chasten, che sui social porta il cognome del marito. I due potrebbero essere la prima famiglia omosessuale ad occupare la Casa Bianca nel caso di duplice vittoria alle primarie democratiche e contro Donald Trump.
E’ poi da evidenziare che al centro dell’agenda politica di Pete Buttigieg è presente la tutela dei diritti civili ed umani, la solidarietà alle persone vulnerabili a cominciare dalle persone a basso reddito che necessitano cure sanitarie per cui Buttigieg vuole assicurare il diritto pieno a curarsi, investimenti in cultura con più scuole nelle aree rurali, attenzione all’ambiente, lotta al razzismo. La vittoria di Buttigieg potrebbe portarci ad uno scenario davvero innovativo per gli Stati Uniti. Dopo l’elezione del primo presidente nero, Barack Obama, speriamo che l’America migliore si prepari ad un’altra storica svolta nella lotta contro i pregiudizi.

Fabrizio Marrazzo, Portavoce Gay Center

LEGGI ANCHE

TI PIACE QUESTO ARTICOLO?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Restiamo
in contatto