fbpx

SUICIDIO TORINO: GAY VITTIMA DI BULLISMO, MAGISTRATURA FACCIA CHIAREZZA, CI VUOLE FORMAZIONE NELLE SCUOLE

Diamo la nostra solidarietà alla famiglia di Orlando Merenda, suicidatosi a 18 anni, gettandosi contro un treno perchè vittima di omofobia , i bulli che lo hanno discriminati sono di fatto colpevoli della sua morte e ne dovranno rispondere nelle aule di tribunale, invitiamo la magistratura a fare piena chiarezza sui fatti.

Quanto accade in questi giorni da parte di giovanissimi che anche ieri hanno aggredito un ragazzo di 12 anni che andava al Pride Milano e 2 giorni fa aggredito un giovane adolescente in via Pò a Torino, è molto preoccupante. 

C'è bisogno di formazione in tutte le scuole e purtroppo l'art.7 del DDL ZAN blocca di fatto la formazione contro l'omobitransfobia rafforzando così i bulli che tormentano i nostri studenti.

Fabrizio Marrazzo, Portavoce Nazionale Partito Gay per i diritti LGBT+, Solidale, Ambientalista e Liberale 

Siamo stufi di sentire solidarietà dalle istituzioni, quando avvengono fatti tragici come quello di oggi, ma in realtà mancano azioni concrete e quotidiane, la lotta al bullismo ed alle discriminazione è uno dei punti principali del nostro programma, per dare maggiori tutele ai nostri studenti ai nostri cittadini, per fare si che casi come quello di Orlando non si ripetano più.

Davide Betti Balducci Candidato Sindaco di Torino per Partito Gay per i diritti LGBT+, Solidale, Ambientalista e Liberale 

LEGGI ANCHE

TI PIACE QUESTO ARTICOLO?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Restiamo
in contatto