fbpx

Governo: Partito Gay lo boccia, `su Diritti, Ambiente, Imprese e Lavoro, non sufficiente´

Roma, 30 dic. (Adnkronos)
“La pandemia ha portato molti cambiamenti. Ma se dobbiamo dare una pagella al Governo è sicuramente non sufficiente, perché non ci sono state e non ci sono risposte adeguate – dichiara Fabrizio Marrazzo portavoce Partito Gay per i diritti Lgbt+, Solidale, Ambientalista, Liberale – infatti nel 2020 per le persone Lgbt+( lesbiche, gay, bisessuali e trans) sono aumentate del 9% le violenze in famiglia, del 17% le minacce e del 3% il mobbing sul lavoro, per una popolazione che era già fortemente discriminata. Il Governo non cancellato la circolare `Padre e Madre´ di Salvini che discrimina i bambini delle coppie dello stesso sesso. Purtroppo è andata male anche per gli altri settori che questo nuovo Governo doveva tutelare, come per il lavoro, non è stata neanche pensata una strategia per lo sviluppo, per reagire ai danni della crisi che ha portato alla chiusura di 300 mila imprese ed al licenziamento di molti lavoratori, e purtroppo non è finita qui».

«Il Recovery Fund – aggiunge – potrebbe essere una speranza, ma l’Italia è in ritardo con la progettazione, si evidenziano ipotesi di investimenti generici e non coerenti, senza alcuna visione di sviluppo per il futuro. La legge contro omotransfobia, se questo Ddl verrà approvato ci saranno meno tutele rispetto a quelle che 30 anni fa sono state date alle comunità religiose e vittime di razzismo. Nella finanziaria 2020, nonostante le nostre richieste alle agevolazioni sulle assunzioni per giovani e donne sono rimaste escluse le assunzioni delle persone trans. I DPCM ricordiamo quello sui congiunti del primo lockdown vedeva esclusa la nostra comunità, oltre a tutte le incongruenze ed i continui cambiamenti che abbiamo visto in tutti Dpcm».

«Ancora molto male per l’ambiente come per la Plastic tax, non è tassando imprese e aziende che si risolve il problema ambientale – afferma Marrazzo – Per l’Energia, dai dati di Save the Planet, emerge che ancora troppi sono i finanziamenti che vengono erogati allo sviluppo delle energie provenienti da fonti fossili, che le catastrofi climatiche riducono le città in ginocchio per eventi meteo climatici improvvisi; anche la nostra Italia ne ha subito le conseguenze e chiamarlo maltempo non ci aiuterà. Male ancora per lo smaltimento di mascherine e guanti che si aggiungerà alle tonnellate di plastica. Infine l’Italia è stata multata dall’Ue per essere uno dei paesi con la peggiore qualità dell’aria».

«Ci impegneremo sin da subito per avere un’Italia che abbia una visione di futuro che coniughi diritti, lavoro, impresa ed ambiente», conclude.

LEGGI ANCHE

TI PIACE QUESTO ARTICOLO?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Restiamo
in contatto